• Giugno 16, 2021

11°Forum UNI-CIG: primo appuntamento con la sicurezza e la sostenibilità in ambito multi-gas

11°Forum UNI-CIG: primo appuntamento con la sicurezza e la sostenibilità in ambito multi-gas

11°Forum UNI-CIG: primo appuntamento con la sicurezza e la sostenibilità in ambito multi-gas 500 450 Eurotis

L’ 11° Forum UNI-CIG 2021, che si è tenuto per il secondo anno in versione digitale il 10 giugno 2021, ha visto nuovamente Eurotis tra le aziende sponsor supporter. Durante l’evento sono stati toccati principalmente gli aspetti sulla sicurezza nell’utilizzo dei gas, aspetti normativi e legislativi per garantirne un utilizzo finale sempre più affidabile. Ma non solo, il forum ha introdotto temi legati anche ai gas del futuro come l’idrogeno, i quali verranno meglio approfonditi nei prossimi appuntamenti virtuali del 23 settembre e 11 novembre.

Il convegno è stato aperto dal Presidente del Comitato Italiano Gas, Eduardo DI BENEDETTO e introdotto dal Presidente UNI, Giuseppe ROSSI, il quale ha sottolineato, ancora una volta, come il rispetto delle regole sia un valore essenziale per far sì che il sistema economico e sociale italiano possa operare in maniera efficiente e sostenibile. Ha affermato inoltre che, argomenti come energie rinnovabili e green gas, sono sempre più rincorrenti in Italia e rappresentano ormai uno scenario in fase di concretizzazione.

A seguire, Stefano CAGNOLI (Direttore Generale – Comitato Italiano Gas) ha aperto la sessione dei lavori, lasciando poi la parola ad Andrea STEGHER (Commercial & Stakeholder Engagement Senior Vice President Business Unit Energy Transition SNAM), scelto dall’International Gas Union (IGU) come prossimo Presidente IGU per 2025-2028. Nel prossimo triennio Stegher, sarà alla guida dell’associazione internazionale del settore gas, che porterà a Milano nel 2028 la 30ª Conferenza Mondiale sul Gas. L’integrazione dei gas naturali e rinnovabili per il processo di transizione energetica e l’impegno per un’industria internazionale più inclusiva saranno le “aree chiave” su cui lavorare per il futuro. Il mondo del gas è chiamato a dare un contributo decisivo alle sfide che le istituzioni mondiali hanno in programma, ovvero la decarbonizzazione e la neutralità climatica.

La sicurezza: il rispetto delle norme gas

Mario VOLONGO (Consulente Tecnico – Comitato Italiano Gas) ha illustrato i principali lavori di revisione portati avanti nell’ultimo anno in merito alle norme CIG nel settore gas del post-contatore. Nello specifico: le revisioni delle linee guida CIG num. 1, 11, delle UNI 10640-10641 per le canne fumarie collettive, la revisione della UNI 11528 per gli impianti gas extradomestici, nonché l’aggiornamento delle attività specifiche per l’utilizzo di gas GPL.

Cristiano FIAMENI (Direttore Tecnico – Comitato Italiano Gas) e Letizia ABBATE (Coordinatrice GdL “Statistica incidenti da gas” – Comitato Italiano Gas) hanno analizzato il fenomeno degli incidenti nell’ambito degli impianti di tipo civile, tra cui quelli che utilizzano il gas nel 2020. Ancora una volta, l’ambiente domestico risulta essere il più pericoloso: ben 90% degli incidenti avvengono nelle abitazioni, mentre il 9,5% avviene per installazioni irregolari con il 15% degli infortunati.

Attraverso un approfondimento di Andrea PARISI (Amministratore Delegato e Direttore Generale Aon S.p.A.) sono state inoltre discusse le tutele assicurative degli utenti del gas canalizzato.

I green gas e la riqualificazione degli impianti esistenti

Valentina D’ACUNTI (Capogruppo caldaie a gas per usi residenziali e assimilati – Assotermica) ha illustrato la potenzialità dei green gas in rete per usi finali nel settore del riscaldamento civile. L’utilizzo dei green gas e la riqualificazione degli impianti esistenti rappresentano un elemento fondamentale per la decarbonizzazione in ambito residenziale, soprattutto se si pensa che:

  • l’85% delle abitazioni italiane sono riscaldate con un impianto gas;
  • oltre 21 milioni di impianti sono collegati a rete di distribuzione gas;
  • oltre 7 milioni di impianti sono alimentati da bombole e piccoli serbatoi.

Ne consegue quindi che la capillarità delle reti gas in Italia costituiscono un potenziale per gli obiettivi 2030-2060 di decarbonizzazione.

Il forum UNI-CIG 2021 è stato anche l’occasione per approfondire gli sviluppi della norma UNI per i generatori di calore HydrogenReady con idrogeno al 20% presentati da Andrea MARIOTTINI (CT CIG Riscaldamento). Sono state discusse inoltre la certificazione degli apparecchi alimentati con miscele di H2GN con Stefano FERRARI (Responsabile di Certificazione Direttive – IMQ) e l’impatto dei controlli in campo con un intervento Angelo BELLUZZO (Coordinatore operativo delle attività – Ucit srl – Società soggetta a direzione e controllo dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia).

Gli obiettivi Eurotis

La prima giornata del Forum UNI-CIG 2021 si è conclusa con la consolidata certezza che, nel mondo gas, la sicurezza e il rispetto delle norme sono punti fondamentali per un’efficace operatività del settore. Per Eurotis, l’importanza delle leggi è un valore essenziale ed è per questo che da anni l’azienda collabora con il CIG e contribuisce attivamente all’implementazione delle normative di settore.

Attraverso i propri programmi di formazione, Eurotis trasmette il proprio know-how, diffonde una vera e propria cultura tecnico-normativa e la rende fruibile all’intera filiera idrotermosanitaria: installatori, progettisti e rivenditori. Eurotis proseguirà su questa direzione, guardando inoltre con interesse alle nuove evoluzioni e opportunità del settore: diffusione dei gas verdi, riqualificazione, sostenibilità ed efficienza energetica.

Iscriviti alla newsletter di Eurotis
Riceverai approfondimenti su prodotti, normative, novità ed eventi