• 06/12/2023

#Eurotisinforma: caldaia a idrogeno

#Eurotisinforma: caldaia a idrogeno

#Eurotisinforma: caldaia a idrogeno 500 450 Eurotis

Caldaia a idrogeno: pro e contro

Perché l’idrogeno?

Estremamente diffuso in natura, ad oggi l’idrogeno è uno degli elementi più presenti sull’atmosfera terrestre e il principio alla base è quello di iniziare ad utilizzarlo come soluzione, complementare e in parte alternativa all’accumulo elettrico, soprattutto nell’ambito degli elettrodomestici. L’utilizzo dell’idrogeno nelle caldaie sta infatti emergendo sempre più come una soluzione sostenibile, capace di ridurre notevolmente le emissioni, di cui ad oggi il riscaldamento è responsabile al 40%.

L’idrogeno non è presente in natura allo stato puro ma si trova in abbondanza nelle forme composte come nelle molecole di acqua, carbonio e metano. Per utilizzarlo è necessario separarlo dagli elementi con cui è legato. Bisogna però effettuare una distinzione tra idrogeno grigio o marrone, derivato dal gas naturale dove l’energia necessaria per produrlo proviene da combustili fossili e idrogeno verde, che porta a zero emissioni di CO2 e dove la materia prima è acqua dolce che viene scissa in idrogeno e ossigeno per mezzo di elettrolizzatori alimentati da elettricità ottenuto da fonti rinnovabili. Ad oggi il costo dell’idrogeno verde è almeno tre volte superiore rispetto a quello grigio e la tecnologia degli elettrolizzatori non è sufficientemente sviluppata per produrre tonnellate di H2 all’anno.

Vantaggi di una caldaia a idrogeno

  • Riduzione delle emissioni: uno dei motivi per cui sono state sviluppate le caldaie a idrogeno è proprio quello della decarbonizzazione dei sistemi di riscaldamento che usiamo nelle nostre case. I combustibili fossili rilasciano infatti tonnellate di gas nell’atmosfera aumentando il riscaldamento globale;
  • Disponibilità: l’idrogeno è uno degli elementi più presenti nel nostro pianeta e per questo motivo, il rischio che si esaurisca è davvero remoto;
  • Stoccaggio: l’idrogeno può essere conservato in diversi modi;
  • Flessibilità: l’idrogeno può essere utilizzato sia come carburante che come refrigerante, generare calore o elettricità;
  • Risparmio in bolletta per il consumatore;
  • Possibilità di usufruire di incentivi statali.

Svantaggi di una caldaia a idrogeno

  • Necessità di convertire gli apparecchi esistenti: le caldaie tradizionali potrebbero necessitare di modifiche per essere compatibili con l’idrogeno, a causa della sua interazione con alcuni materiali;
  • Sicurezza: l’idrogeno è un elemento altamente infiammabile;
  • Anche l’infrastruttura per la distribuzione dell’idrogeno e la sua disponibilità sono fattori cruciali; Sebbene l’idrogeno possa ridurre le emissioni di carbonio, è importante considerare l’intero ciclo di vita, inclusa la produzione di idrogeno;
  • Costi iniziali elevati.

È bene infine ricordare che prima di scegliere di optare per soluzioni a idrogeno, è essenziale consultare esperti del settore e valutare la fattibilità tecnica ed economica, rispettando tutte le normative applicabili che ne garantiscono la sicurezza per l’utilizzo.

In Italia, la normativa dedicata è la UNI/TS 11854:2022 che, stabilisce i requisiti specifici per caldaie alimentate con gas naturale del gruppo H e del gruppo E e miscele di gas naturale e di idrogeno fino al 20% in volume.

Iscriviti alla newsletter di Eurotis
Riceverai approfondimenti su prodotti, normative, novità ed eventi